Vin brulè: le inaspettate origini di questo tradizionale vino caldo

Vin brulè: le inaspettate origini di questo tradizionale vino caldo

Il vin brulè è una bevanda deliziosa dal gusto speziato e fruttato e va servita calda. Solitamente la troviamo nei mercatini di paese durante le feste natalizie ed è ideale da bere per scaldarsi durante il periodo invernale. Viene preparato con spezie, scorze di agrumi ed ovviamente l'ingrediente principale è il vino rosso, rigorosamente corposo e di alta qualità. Le origini di questo vino caldo sono molto antiche e anche le ricette sono cambiate nel tempo. Scopriamo assieme qual è la storia e la ricetta tradizionale del vin brulè
 

Ricetta vin brulè: origini e tradizioni

Il vin brulè è una bevanda gustosa e ricca di sapori, tipica delle zone montane italiane e dell'Europa continentale.
Questa bevanda calda risale all'antica Grecia per arrivare fino ai Romani che la denominarono conditum paradoxum. Una delle prime testimonianze del vin brulè risale ad Apicio che nel "De re Coquinaria" racconta di un vino scaldato e aromatizzato con spezie. Solitamente si usava il pepe e veniva dolcificato con del miele e si offriva a fine pasto come digestivo.
Il vinum conditum dei Romani rientra nella vasta sezione dei vina aromaties, ovvero i vini corretti e aromatizzati con erbe e cereali, fiori essicati, frutta fresca bacche e spezie.

Nell'antichità il pepe nero veniva utilizzato molto sia nelle pietanze che nelle bevande, ma venne poi sostituito con l'avvento della cannella. Questa spezia dal sapore intenso e deciso cominciò ad essere utilizzata per la preparazione di pietanze e bevande. Si pensa che l'introduzione della cannella nella preparazione del vin brulè sia collegata al medico Ippocrate, un grande sostenitore delle proprietà mediche delle spezie. Secondo lui, le spezie avevano proprietà lenitive, disinfettanti e il vino risultava quindi corroborante.
In questo periodo venne anche modificato il processo di preparazione della "manica di ippocrate" ovvero lo strumento attinente alle pratiche medico-farmaceutiche da cui si ricavava anche il "vino ippocratico". Il vino ippocratico era un vino preparato con spezie e succhero, utilizzato come rimedio naturale per alcune malattie.
 

»DAI UN'OCCHIATA ALLA NOSTRA SELEZIONE DI VINI BIANCHI«
 

Il vino caldo con le spezie e zucchero si diffuse in tutta Europa e cominciarono a nascere differenti ricette, tipiche di ogni regione in base ai prodotti ed ai gusti locali. In Inghilterra viene nominato mulled wine, in Francia vin chaud, in Germania gluhwein e nei Paesi Scandinavi glogg.
Tanti pensano che la ricetta del vin brulè sia tipica del veneto, ma come hai visto, la storia alle sue spalle è molto più articolata.
In Italia questa bevanda viene chiamata vin brulè, un termine francese che significa "vino bruciato". In Francia invece, viene nominato "vin chaud" che in italiano vuol dire vino caldo, curioso vero? 
 

Come si fa il vin brulè: ingredienti e preparazione

Come si fa il vin brulè? Non esiste una singola ricetta vin brulè poichè si prepara in tutta Europa e ogni paese ha la propria ricetta. Solitamente in Italia e soprattutto nella zona settentrionale, si può trovare nei mercatini di Natale. Vediamo come si fa il vin brulè ed i vari passaggi necessari. Gli ingredienti per la ricetta vin brulè sono i seguenti: 1 litro di vino rosso, 1 scorza di limone, 2 stecche di cannella, 5 bacche di ginepro, noce moscata, 100g di zuccheto, 1 scorza d'arancio, 8 chiodi di garofano e 1 anice stellato.

Per realizzare la ricetta vin brulè dovrai preparare tutte le spezie necessarie e tenerle a portata di mano, assieme alle scorze di limone e arancia, ricavate da agrumi non trattati.
Comincia versando dello zucchero in un tegame d'acciaio dai bordi non troppo alti e unisci le due stecche di cannella, le bacche di ginepro, i chiodi di garofano e l'anice stellato. Aggiungi anche le scorze dei due agrumi e infine versa il vino rosso ben corposo.
Riponi la pentola sul fuoco e porta lentamente a ebollizione: fai bollire a fiamma bassa per 5 minuti mescolando fino a che lo zucchero non sia sciolto del tutto.

A questo punto dovrai prendere uno spiedino di legno ed infiammare una delle due estremità ed avvicinarla al vino che sta bollendo in pentola: in questo modo l'alcool contenuto nel vino prenderà fuoco e dovrai lasciarlo fiammeggiare fino a che non si spegne da solo, dunque fai attenzione a non scottarti.
Infine, l'ultimo passaggio della ricetta vin brulè è quello di filtrare il vino con un colino a maglie finissime. Ora che sai come si fa il vin brulè non ti resta altro che provare a prepararlo!
 

Vin brulè ricetta originale: esiste una ricetta madre?

Come abbiamo visto sopra, non esiste una singola ricetta vin brulè perchè essendo una bevanda tipica di più regioni, ogni singolo paese ha dato vita alla propria ricetta in base ai propri gusti e i frutti del territorio.
Solitamente gli ingredienti che vengono utilizzati per la ricetta del vin brulè sono lo zucchero, la cannella, l'anice stellato, i chiodi di garofano, scorze d'agrumi, zucchero e bacche di ginepro.
Tuttavia, esistono alcune varianti del vin brulè ricetta originale che prevedono l'aggiunta dello zenzero e del cardamomo, due spezie molto forti. Un'altra ricetta vin brulè invece prevede l'utilizzo della mela, tagliata a fette sottili ed inserita nella pentola assieme agli altri ingredienti.

La ricetta vin brulè prevede anche che questa bevanda calda venga bevuta assieme a delle castagne o ad uno strudel per accentuare ancor più i suoi sapori.
Vin brulè ricetta originale: la soluzione ideale per scaldarsi nel periodo invernale e per passare del tempo in compagnia sorseggiando un buon vino caldo. Non si tratta solo di una ricetta del vin brulè, si tratta di una tradizione che ogni anno riunisce tante persone in città per condividere un momento tutti assieme.
Stiamo parlando di una sensazione unica, di passeggiare tra le vie del paese pieno di mercatini di Natale, stiamo parlando di quel momento in cui si sta in compagnia a bere un buon vin brulè per scaldarci.
Insomma, il vin brulè è molto più di una semplice ricetta, è una vera e propria tradizione che si ripete ogni anno.
 

»DAI UN'OCCHIATA ALLA NOSTRA SELEZIONE DI VINI ROSSI«
 

Vino per vin brulè: il vino migliore è quello corposo

Spesso durante la degustazione ci domandiamo quale sia il vino per vin brulè. Il vino in questo caso non è solo l'ingrediente principale, ma è anche quello che determina il risultato finale e la qualità di questa bevanda. Ti consigliamo di lascar perdere i vini economici da tavola, soprattutto quelli nei brick perchè otterresti un vino caldo mediocre. Vediamo invece quali sono i vini di alta qualità che puoi utilizzare come vino per vin brulè. Partiamo dal fatto che il vin brulè deve profumare, sedurre chi sta degustando questa bevanda e infine, deve essere buono. Si consiglia di utilzzare un vino morbido, ricco di aromi e struttura, possibilmente con un buon residuo di zucchero.

Come avrai capito, bisogna avere una materia prima di ottima qualità! In Romagna, il vino migliore per il vin brulè è il Sangiovese che puoi trovare comodamente sul nostro e-commerce se non sei originario di quella regione. Il sangiovese è un vino rosso corposo, fruttato e dal profumo intenso.
L'Emilia invece offre un lambrusco Grasparossa, tipico per il suo sapore di frutti rossi di bosco, lamponi, ribes e viscicole. Vi sono dei sentori delicati di speze ed erbe aromatiche che rendono davvero unico questo Grasparossa 100%.
Per quanto riguarda il Veneto invece, viene solitamente utilizzato il Cabernet Sauvignon, il Pinot Nero e la Schiava. Nelle Langhe infine, vediamo l'utilizzo del Barolo come base del vin brulè.

Per quanto riguarda la regione Veneto però, vi è un dibattito sul colore del vin brulè: esiste il vin brulè bianco? Ebbene sì, abbiamo scoperto che esiste anche il vin brulè bianco, preparato solitamente con del Sauvignon Blanc o con uno Chardonnay. Si pensa essere una variante del vin brulè ricetta tradizionale, preparato talvolta con l'aggiunta di succo di mela.

Sul nostro e-commerce Spaghetti e Mandolino potrai trovare tutti i vini migliori per creare un vin brulè degno della tradizione.

Prodotto biologico Lambrusco Grasparossa della Tradizione Pederzana 750ml - Tenuta Pederzana

Tenuta Pederzana

Lambrusco Grasparossa di Castelvetro DOC -

10,00

ACQUISTA

Prodotto biologico Lambrusco Grasparossa di Castelvetro DOC Gibe Dei Giovani - Tenuta Pederzana

Tenuta Pederzana

Lambrusco Grasparossa di Castelvetro DOC - Senza solfiti aggiunti

10,00

Prodotto biologico Barolo Rocche Annunziata DOCG - Azienda Agricola Rocche Costamagna

Azienda Agricola Rocche Costamagna

Barolo DOCG -

46,49

ACQUISTA

Prodotto biologico Pinot Nero Podere Bignolino 750 ml - Podere Bignolino di Contardi Cirillo

Podere Bignolino di Contardi Cirillo

18,50

ACQUISTA

Prodotto biologico Cabernet Sauvignon Podere Bignolino 750 ml - Podere Bignolino di Contardi Cirillo

Podere Bignolino di Contardi Cirillo

18,50

ACQUISTA




Le nostre promesse

Vuoi provare il nostro servizio con il 10% di sconto? Iscriviti!