facebook pixel

Tomarchio bibite: tutto il gusto della Sicilia in una bottiglia

Tomarchio bibite: tutto il gusto della Sicilia in una bottiglia

L'Italia dei prodotti tipici artigianali e territoriali è fatta di tante storie dove la passione e l'amore per il proprio lavoro ha portato singoli uomini a creare dal nulla importanti realtà italiane. Tomarchio è senza dubbio una di queste realtà. Quasi 100 anni fa, si parla del 1920, Filippo Tomarchio avviò la produzione delle primissime bottiglie di bibita artigianale che distribuiva porta a porta in cassette di legno nel territorio di Acireale. La bibita era di un solo tipo: la gazzosa.


TOMARCHIO BIBITE: DA ACIREALE A 21 PAESI IN TUTTO IL MONDO

Ad Acireale quelli di una certa età hanno tutti lo stesso ricordo che si lega a questo brand, perché le feste e i pomeriggi domenicali al bar o in famiglia erano sempre accompagnati da una bibita Tomarchio. Prima la gazzosa, poi l'aranciata, poi la limonata e via via sempre nuovi gusti. Ma da quella gazzosa degli anni '20 ne hanno fatta di strada Filippo e la sua azienda: 40 anni dopo, infatti, riuscì ad espandersi commercialmente in tutta la provincia di Catania, all'ombra del vulcano Etna. Solo negli anni '80 incominciò a imporsi nel mercato regionale. Oggi l'azienda Tomarchio registra importanti traguardi, riuscendo a diventare leader in Sicilia nella produzione di bevande gassate a base di agrumi e a rifornire punti vendita in tutte le province italiane e in 21 Paesi all'estero.


TOMARCHIO: L'INGREDIENTE SEGRETO DI QUESTO SUCCESSO

La genuinità e la bontà di queste bibite sono senza dubbio la chiave di questo loro successo, ma l'ingrediente principale è senza dubbio la Sicilia. Tomarchio usa solo i succhi dei migliori agrumi appena spremuti maturati al caldo sole dell'isola siciliana, dove il vento profuma di mare. L'acqua utilizzata proviene dalle pendici dell’Etna: ricca di minerali che le conferiscono un gusto inimitabile. E poi la produzione artigianale rispettosa del metodo di lavorazione tramandato gelosamente da 100 anni e tre generazioni. Tutto a filiera corta e a chilometri zero per salvaguardare il patrimonio più importante dell’isola e mantenere una relazione diretta tra produttore e consumatore nel rispetto della tradizione e dell’ambiente.


TOMARCHIO: IL VALORE AGGIUNTO DEL BIOLOGICO

Bere sano è ancora più buono e Tomarchio lo sa: l'azienda ha cominciato, infatti, a proporre dal maggio 2016 anche bibite fatte con ingredienti biologici che hanno il valore aggiunto delle denominazioni IGP (indicazione geografica protetta) e DOP (denominazione di origine protetta) come l'Arancia Rossa IGP, il Limone di Siracusa IGP e l'Arancia di Ribera DOP. Succhi di agrumi siciliani e biologici, acqua dell'Etna, zucchero di canna e aromi naturali: questi gli ingredienti della nuova linea "Biologica" firmata Tomarchio. Tutto questo intercetta il bisogno di autenticità di un consumatore che cerca prodotti legati al territorio, un valore che rientra anche nella mission di Spaghetti & Mandolino. Non potevamo, quindi, non avere i prodotti di Tomarchio nel nostro catalogo di tipicità!


TOMARCHIO: SOSTENIBILITÀ E LEGAME CON IL TERRITORIO

Tomarchio sta facendo conoscere a tutto il mondo i sapori più sani e genuini della Sicilia dentro una bottiglia. Il loro progetto è ambizioso perché vanta oggi un'unicità assoluta in termini di proposizione sul mercato, sia italiano che estero. Oltre a questa importante mission, Tomarchio punta al rispetto dell'ambiente attraverso controlli e monitoraggi continui della filiera produttiva. Dalla produzione alla distribuzione, l'azienda di bibite ha l'obiettivo di concretizzare uno sviluppo sostenibile che tuteli il territorio promuovendo la riduzione dei consumi energetici e di acqua per contenere gli sprechi. Per tutte le loro bibite, Tomarchio utilizza esclusivamente materie prime provenienti dal territorio siculo, a filiera corta e controllata. Ad avvalorare e rafforzare il legame con il territorio, si aggiunge il Patto di Sviluppo del Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia che Tomarchio ha sottoscritto nel 2011: si tratta di un progetto regionale di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio agrumicolo dell’isola. Questa opportunità ha permesso loro di instaurare sinergie sempre più virtuose con gli attori della filiera coinvolta, basate sulla condivisione del progetto più ampio e comune di difesa della materia prima e del territorio. La linea BIO risponde senza dubbio a questa collaborazione tra l'azienda, il Distretto e i principali Consorzi di tutela dell’isola.

Francesco Iannò



Le nostre promesse

Vuoi provare il nostro servizio con il 10% di sconto? Iscriviti!