facebook pixel

Cioccolato di Modica: come chiudere in bellezza il pranzo di Pasqua

Cioccolato di Modica: come chiudere in bellezza il pranzo di Pasqua

Siamo alle porte della santa Pasqua, ci siamo lasciati alle spalle la Domenica delle Palme e nelle nostre case incominciano ad abbondare le uova di cioccolato e i dolci tipici di questo periodo, come la Colomba o la Pigna pasquale. Non dimentichiamoci, però, di un prodotto che al termine di opulenti pasti con familiari o amici può fare veramente la differenza: una tavoletta di gustosissimo cioccolato di Modica!

Alla fine di un buon pasto opulento con tante portate, come ad esempio si è soliti fare nel Sud Italia, gustare un po’ di cioccolato fondente di Modica può diventare un’esperienza sublime, perfetta per chiudere in bellezza! La vera ciliegina sulla torta, sarebbe da dire. Niente di meglio di una tavoletta di questo cioccolato per accompagnare un buon caffè, oppure può raggiungere alti livelli di emozioni se sgranocchiata e abbinata a vini dolci bianchi, magari a base di Moscato, oppure un Passito Bianco IGT Veneto. Il top sarebbe un rum invecchiato in barrique!

Cioccolato di Modica: abbinamenti


Il cioccolato di Modica è veramente unico al mondo per la sua consistenza e la sua eleganza e può trovare anche diverse altre applicazioni gourmet. Sapevate che può anche essere sbriciolato su risotti a base di funghi per esaltarne il profumo di sottobosco? Si può usare anche per impreziosire arrosti, piatti di carne oppure può essere sbriciolato e inserito nella farcitura di polpettoni. La granella può essere utilizzata per decorare torte e dessert a base di gelato alla crema o panna. Questo cioccolato è fantastico anche negli aperitivi assieme a un buon vino rosso consistente e formaggi stagionati.

Noi di Spaghetti e Mandolino abbiamo un cioccolato di Modica veramente speciale, quello di Sabadì, che ha vinto per cinque anni consecutivi la Tavoletta d’Oro come miglior cioccolato di Modica, un gioiello italiano dell’artigianato del cacao incastonato tra pietre e mare in quel di Ragusa. Un cioccolato che ci racconta la storia di Simone Sabaini, un veronese arrivato in Sicilia che viene “rapito” da questa terra e che, con nuova linfa spirituale, dà un senso compiuto alla sua vita mettendo in piedi a un’azienda pluripremiata. Sole, mare, vento e terra arsa dal sole sono gli elementi fondanti di questo straordinario progetto al sapore di cioccolato. 

Cioccolato di Modica: bio, vegan, senza glutine


Il cioccolato di Modica BIO di Sabadì, tutto Vegan e senza glutine, propone poi degli abbinamenti straordinari con la terra e la natura siciliana più ancestrale. Il finocchietto selvatico che sa di mare, il sale marino dolce da affioramento di Trapani, il Mandarino Tardivo di Ciaculli, il profumatissimo Limone Interdonato che nasce tra le crepe nere alle pendici del grande vulcano Etna e si abbaglia di tutta la bellezza del mare di Taormina. Sono prodotti molto ricercati, molti di essi Presidi Slow Food e comunque tutti biologici. 

Simone ha associato l’altissima qualità del prodotto con l’italian style nel design e nel packaging. Le sue confezioni sono infatti un racconto, uno storytelling grafico di quanto contengono. Emozioni allo stato puro sono il risultato di una degustazione di cioccolato Sabadì. 

Lasciatevi conquistare dalle emozioni di questo grande cioccolato ad occhi chiusi, magari ascoltando i profumi della Sicilia e il rumore del mare.
 



Le nostre promesse

Vuoi provare il nostro servizio con il 10% di sconto? Iscriviti!