Scopriamo il brand La Scolca: ecco qui la nostra intervista

Scopriamo il brand La Scolca: ecco qui la nostra intervista

La Scolca è tra le aziende simbolo di Gavi, da sempre concentrata sul Cortese, vitigno autoctono che ha contribuito a far conoscere nel mondo. La Tenuta è stata acquistata il 1919 dal bisnonno di Giorgio Soldati, padre di Chiara Soldati, quarta generazione oggi alla guida dell'azienda con uno sguardo già al terzo millennio.

Giorgio Soldati si è dimostrato un validissimo ed estroso innovativo interprete: sua è la creazione di vini e spumanti di successo senza mai tradire la fedeltà alla terra di Gavi e al vitigno cortese. Ma il compito più arduo che si è assunto, insieme alla famiglia, è stato quello di mantenere la leadership conquistata dall’azienda negli anni rafforzando ulteriormente l’immagine e la fama di La Scolca con volontà tutta piemontese e la filosofia della massima qualità possibile.

Le vigne di La Scolca si estendono per 64 ettari e, fra i vari appezzamenti, quello nel comune di Rovereto Chiesa potrebbe essere definito il "grand cru" del Cortese.
L’azienda agricola ha i suoi vigneti nelle più belle posizioni di Rovereto Chiesa, e il suo Gavi dei Gavi rappresenta il vertice del vino che in questa microzona si produce. Ma questo esaltante risultato non deriva esclusivamente dalla fortunata positura delle vigne, ma è frutto anche di pratiche enologiche e viticole particolarmente indovinate, che gli permettono, a parità di materia prima con gli altri vigneti della zona, di avere una marcia in più.

A noi piacciono queste realtà, questi produttori di prelibatezze uniche, certificate e pluripremiate: sono dei veri e propri tesori incastonati nella nostra Penisola tra mari e monti e nelle vie più sperdute di borghi e campagne. Noi non ci soffermiamo a vivere solo i loro prodotti, ma vogliamo scoprire più da vicino i protagonisti di questo brand. Ecco perché abbiamo mandato alcune domande a chi gestisce la comunicazione con noi.

Resta con noi a conoscere La Scolca: leggi le risposte!

  • Con chi stiamo parlando?
    Chiara Soldati, CEO La Scolca.
     
  • L’azienda è a conduzione familiare?
    La Scolca, aperta sulle colline di Gavi nel primo decennio del 1900 dalla famiglia Soldati, è un brand con oltre 100 anni di storia, conosciuto in più di 50 Paesi e presente nei migliori ristoranti del mondo. La quarta generazione di famiglia, rappresentata da me, la guida oggi con successo, all’insegna di un’attenzione costante ai valori contemporanei di sostenibilità e innovazione digitale, che ne fa una delle aziende più avanzate del panorama vitivinicolo italiano assicurando ai vini una qualità senza tempo.
     
  • Chi fu il fondatore, in che anno e qual è stata la sua formazione o qual è il ramo lavorativo e professionale da cui proveniva se diverso dall’attuale?
    La Scolca nasce nel 1919, anno in cui il capostipite della nostra famiglia decise di acquistare quella che originariamente era una tenuta di caccia, con grosse proprietà boschive all’interno delle quali c’erano anche vigneti a bacca rossa. La famiglia, però, prediligeva i vini bianchi e gli spumanti prevalentemente francesi, e da qui la scelta di estirpare la bacca rossa e piantare Cortese, per creare un vino che si avvicinasse il più possibile allo Chablis e, in un secondo tempo, spumantizzarlo. Inizialmente la produzione era per uso familiare, il business era un altro, ma nel secondo dopoguerra fu deciso di investire su una linea di produzione propria, imbottigliando, etichettando e avviando la commercializzazione.
     
  • Qual è il vero motivo o il fatto scatenante che sta dietro alla nascita di questa azienda e quando è avvenuto?
    “Nulla ha più senso della passione”: per vivere pienamente la propria vita ed il proprio lavoro non si può prescindere dall’avere come motore ed ispirazione una grande emozione. Il vino per me è una grande passione che si ripete ogni anno nel momento della vendemmia. Un ciclo che si rinnova portando con sé una affascinante gioia nel veder nascere il frutto di tanti mesi di lavoro. La stessa passione che si prova nel proporre e descrivere un mondo speciale nascosto dietro ad ogni assaggio, la stessa passione e tenacia che ha fatto arrivare La Scolca alla quinta generazione.
     
  • Qual è il vostro rapporto con la terra d’origine e la sua tipicità? E perché le volete raccontare con i vostri prodotti?
    I 102 anni della nostra storia raccontano il Dna profondo della nostra identità fatta di tanta passione, scelte coraggiose e mai convenzionali per guardare lontano e anticipare i tempi senza tradire le nostre origini, come abbiamo sempre fatto dal 1919, anno di fondazione dell'azienda. Un secolo di investimenti nel nostro territorio, il Gavi, in cui abbiamo creduto fermamente, senza compromessi e con il desiderio di sperimentare e crescere sempre. È stato proprio mio padre Giorgio Soldati a volere con forza la Doc nel 1974 e la Docg nel 1998, fonda il Consorzio del Gavi e ne è il primo presidente. La Scolca registra nel 1969 il marchio Gavi dei Gavi diventato ora un must in tutto il mondo.
    Per noi è fondamentale far conoscere al mondo, soprattutto alle nuove generazioni, la ricchezza e tipicità della nostra terra, il Gavi, con la sua biodiversità e tradizione paesaggistica. Anche questo è per noi un valore importante, che portiamo avanti con investimenti continui in pratiche agricole rispettose del territorio ed in macchinari all'avanguardia per garantire modalità di produzione sempre più sostenibili.
     
  • Qual è stato il primo prodotto che avete creato?
    Il Gavi dei Gavi, pensando ambiziosamente di creare un grande chablis italiano.
     
  • Qual è il prodotto che oggi, invece, ritenete “di punta”?
    Sono due i vini simbolo dell’azienda, impossibili da dimenticare una volta assaggiati.
    Il nostro il vino icona, il più rappresentativo della nostra storia, è senz'altro il Gavi dei Gavi Etichetta Nera, da uve 100% Cortese, scelto da ristoranti rinomati e da celebrities di tutto il mondo per celebrare i momenti speciali, indimenticabile per la complessità e l’eleganza dei profumi ed il gusto lungo ed intenso, un vino che interpreta al meglio la nostra idea di innovazione e di stile, un grande classico oltre le mode e gli schemi.
    L'altro vino simbolo dell'azienda è il “Brut D’Antan” (100% Cortese), il nostro spumante pregiato, prodotto solo nelle annate migliori tramite spumantizzazione metodo classico con lungo affinamento in bottiglia (almeno 10 anni) a contatto con lieviti autoctoni selezionati.
     
  • E qual è il prodotto che nell’intera storia dell’azienda ha portato con sé maggiormente il cuore pulsante, la filosofia e l’anima dell’azienda stessa?
    Il vino è passione, attesa, cura dei dettagli e per questo motivo solo nelle annate migliori, dopo almeno 10 anni di invecchiamento nella nostra cantina, può cominciare il cammino di vini straordinari come La Scolca D’Antan e La Scolca Spumante Riserva D’Antan. Vini che emozionano, che stupiscono, perché al profumo delicato contrappongono un carattere forte, una grande personalità: sono prodotti unici.
    In un mondo che fa della velocità e della globalizzazione un must, noi abbiamo saputo cogliere l’importanza del valore del tempo, dell’attesa e la consapevolezza che certi risultati si ottengono solo con una grande ricerca dell’eccellenza e con molto tempo.
    Sono vini delle origini, vini del tempo perduto, vini che fanno riemergere sentori e profumi della memoria. Hanno l’anima del fanciullo ma il cuore da adulto, con una forte personalità e con grande carattere, stile ed eleganza.
     
  • Parliamo di oggi: quanto si è ingrandita l’azienda dal giorno della sua nascita? Possiamo avere qualche numero?
    Ettari vitati oggi: 50 ha.
    Numero bottiglie prodotte: dipende dalle annate, comunque circa un milione di bottiglie l'anno.
    Vitigni coltivati: principalmente Cortese.
    Regime di conduzione in vigna: seguiamo canoni biodinamici.
    Paesi di esportazione: oggi siamo presenti in oltre 60 Paesi.
     
  • In questo momento: più tradizione o più innovazione?
    La Scolca è un'azienda contemporanea che guarda al futuro con spirito pionieristico e innovatore. Negli anni non ci siamo mai fermati ed abbiamo continuato ad investire per migliorare le nostra competitività per affrontare le sfide dei mercati globali e per garantire sempre alti standard di eccellenza. Allo stesso tempo abbiamo una grande storia che ci contraddistingue, come il forte legame con il suolo e la nostra terra e lo stile inconfondibile dei nostri vini che produciamo da sempre senza compromessi e senza cedere alle mode del momento.
     
  • Qual è stata l’evoluzione più importante dell’azienda per farla arrivare a quello che è oggi?
    La nostra è stata un'evoluzione continua frutto di tanta passione, dedizione, tenacia, impegno ed investimenti. Sicuramente una tappa importante è stata la registrazione del marchio Gavi dei Gavi nel 1969, oggi conosciuto in tutto il mondo; ma fondamentali sono state anche la lungimiranza e prontezza, negli anni '90, di cogliere tutte le opportunità offerte dalle nuove tecnologie e dalla comunicazione digitale, in una fase storica di cambiamenti epocali e grandi trasformazioni del mercato globale; intraprendenza che ha reso La Scolca una delle aziende oggi più dinamiche e all'avanguardia del settore vitivinicolo.
     
  • Parlando invece del futuro: quale domani aspetterà l’azienda? C’è in programma qualche cambiamento o qualche nuovo processo evolutivo?
    Abbiamo tanti progetti in corso che stiamo portando avanti. Nell'ultimo anno non solo non ci siamo mai fermati ma abbiamo fatto nuovi investimenti e lanciato nuovi progetti tra cui l'e-commerce proprietario, l'eWine Club con esperienze personalizzate per clienti e wine lover, nuove wine experience tailor made in cantina e presso la Tenuta per promuovere un nuovo concetto di accoglienza e hospitality, che valorizzi la collaborazione ed integrazione fra le eccellenze che il nostro territorio può offrire, nell’ottica di costruire una vera e propria tailor made wine experience. La nuova offerta soddisfa le necessità di ogni tipo di pubblico: da chi predilige la passeggiata a piedi o l’escursione in e-bike, agli appassionati di Golf, a chi vuole praticare Yoga sulla terrazza panoramica, a chi vuole organizzare un picnic tra le vigne.
     
  • Avete in programma di creare nuovi prodotti?
    Quest'anno abbiamo appena lanciato “Solui”, un vino nuovo, creato con uve Sauvignon ed un blend di uve bianche piemontesi (uve rigorosamente 100% La Scolca). Un vino per guardare al futuro, ma con la solidità che 102 anni di storia conferiscono al Brand di famiglia. Un vino diverso ma in linea con lo stile degli eccellenti Gavi da sempre e per sempre core business di La Scolca da 100 anni.
    Un prodotto unico, un solista tra i Gavi, un vino con il coraggio di osare, che rappresenta una grande eccezione e scelta in contro-tendenza, per comunicare ancora una volta la proiezione futuristica del brand, che coglie con positività senza mai fermarsi anche nei tempi più difficili i grandi cambiamenti del mondo e li porta dentro il mondo del vino.
    Il desiderio di sperimentare ci accompagna sempre, quindi non escludo che nei prossimi mesi potremmo sviluppare ancora nuovi prodotti!
     
  • Avendo puntato su Spaghetti & Mandolino, quanto è importante per voi la vendita online, qual è stato il vostro rapporto in passato con questo canale di vendita e come lo vedete nel futuro?
    Già da anni l'e-commerce stava diventando un canale di vendita importante. Oggi, con l'esperienza della pandemia, ha avuto un'accelerazione irreversibile tanto da divenire essenziale per mantenere le quote di mercato. Noi abbiamo scelto di investire in questo canale lanciando quest'anno il nostro store online - oltre ad essere presenti, ovviamente, anche nei principali marketplace italiani ed internazionali - e creando il La Scolca e- wine Club, un'esperienza tailor made aperta a tutti i wine lovers con registrazione sul nostro sito web alla pagina dedicata. Con l’iscrizione è possible accedere a servizi dedicati ed esclusivi come l’acquisto di prodotti personalizzabili ed in formati riservati agli iscritti – come ad esempio la Magnum di Gavi dei Gavi Etichetta Nera - ad offerte speciali e in prevendita – come il nuovo Solui – e la partecipazione ad eventi ed esperienze uniche tra cui: tour in cantina e alla Tenuta La Scolca con degustazione di riserve e annate rare, special tasting ed acquisto in anteprima di bottiglie in edizione limitata.
     
  • Valore: qual è stato, qual è oggi e quale sarà in futuro per la vostra azienda?
    Siamo un'azienda storica che approccia la realtà e la contemporaneità con grande senso di responsabilità sociale e impegno per il rispetto dell'ambiente e dell'ecosistema, oggi temi fondamentali soprattutto per le nuove generazioni.
    Sottolineo sempre che “il valore di La Scolca è il valore di un’azienda che produce”, e ciò significa per noi che il valore legato al vino è un valore profondo proprio come la radice della vite che noi preserviamo applicando le tecniche e la filosofia proprie della biodinamica. Lavoriamo il terreno senza additivi chimici, senza diserbanti e prodotti chimici ed utilizziamo solo prodotti naturali come lo zolfo ed il verderame, e in questo modo possiamo garantire la protezione del vigneto. Perchè per noi la terra è un bene da tramandare, non da sfruttare solo come un business.
    E poi ciò che contraddistingue la nostra azienda e la nostra famiglia sono la tenacia ed il coraggio di rimanere fedeli a sé stessi, pur sperimentando ed evolvendo: proprio come l’idea originaria del fondatore di creare un grande vino bianco anche per l’invecchiamento e, in quest’ottica, essere innovatori.
WineHunter Award Gold 2020
D'Antan Soldati La Scolca Brut Millesimato 2008 750ml
WineHunter Award Gold 2020
D'Antan Soldati La Scolca Brut Rosè Millesimato 2008 750ml
D'Antan Soldati La Scolca Brut Rosè Millesimato 2009 750ml
WineHunter Award Rosso 2020
Blanc De Blancs Soldati La Scolca Brut Nature 750ml
WineHunter Award Rosso 2020
Gavi dei Gavi D'Antan 2007 750ml

50,90

ACQUISTA




Le nostre promesse

Vuoi provare il nostro servizio con il 10% di sconto? Iscriviti!