fb

Zafferano Safranum, quando le Langhe diventano uno scrigno di oro rosso

Zafferano Safranum, quando le Langhe diventano uno scrigno di oro rosso

I fiori di zafferano sono probabilmente i più ricercati e preziosi al mondo. Oltre ad essere elegantissimi e ammalianti, al loro interno nascondono il così detto “oro rosso”, osannato e valorizzato dalle cucine di tutto il mondo. Lo zafferano rientra a pieno titolo nella cerchia delle spezie più preziose e ricercate di cui è proprio il Re, e questo Roberto Lembo lo sa bene visto che grazie al brand Safranum produce questa spezia già dal 2013. Scopriamo qualcosina in più sul suo progetto.


Safranum, quando il territorio ti parla

Anche se il brand è stato registrato nel 2013, la storia di Safranum ha inizio ben due anni prima, quando Roberto Lembo decide di acquistare una proprietà di 6000 mq sulla collina di Montagliato, nel comune di Monforte d’Alba, tra gli splendidi territori delle Langhe, riconosciuti dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità. Inutile dirlo: un panorama incantevole pregno delle energie della terra che inevitabilmente hanno portato Roberto a lunghe e profonde riflessioni, grazie ai nuovi benefici che solo una vita a contatto con la natura sa dare.

Roberto, però, si ritrova ben presto di fronte ad un problema: il terreno è troppo grande per essere un orto e troppo piccolo per le classiche produzioni agricole delle Langhe. Dunque, come fare? Solo alcuni mesi più tardi, durante un viaggio, rimane affascinato dal racconto di un francese coltivatore di crocus sativus, appunto lo zafferano. Così, l’anno seguente inizia l’avventura con l’amico Furio Dutto promettendosi di non desistere sino al raggiungimento di un prodotto di qualità eccelsa.

Dopo due anni di studio ecco che nasce Safranum, brand registrato dall'Azienda Agricola Montagliato. È proprio qui che lo zafferano ha trovato il posto giusto dove crescere rigoglioso in modo completamente naturale, senza concimi o additivi. Il microclima ottimale e il terreno ricco di minerali, fattore che in generale contraddistingue i prodotti agricoli e vinicoli di questa zona, hanno permesso la coltivazione di zafferano ricco di proprietà benefiche per la salute.
Con continuo entusiasmo e umiltà, oggi l’azienda produce zafferano di altissima qualità rientrando negli standard migliori richiesti dal mercato. La produzione viene svolta con la rotazione dei terreni all’instancabile ricerca di un ideale equilibrio dell’uomo con la natura.


Focus: lo zafferano

Lo zafferano è conosciuto da tempi antichissimi.  Le origini del suo nome, ad esempio, affondano le proprie radici nel latino “safranum”, parola che a sua volta deriva dall’arabo za’faran, ovvero giallo oro, luce, saggezza rivelata. Le origini dello zafferano sono incerte, ma è ormai appurato che già in tempi antichissimi venisse usato soprattutto per la cosmesi. D’altronde, i pistilli di questo fiore sono tra gli antiossidanti più potenti in natura, in grado di risvegliare energie spente e regalare un’esperienza sensoriale unica. Inoltre, grazie al suo colore acceso veniva utilizzato per tingere i capelli e le stoffe. L’intenso colore giallo è dovuto all’altissimo contenuto di carotenoidi, eccellenti antiossidanti che contrastano l’invecchiamento cellulare e l’accumulo dei radicali liberi.

Ma lo Zafferano è anche una pianta officinale dai mille usi, ricca di vitamine B1 e B2. Oltre a colorare e profumare ha proprietà lenitive, antiinfiammatorie, antiossidanti, antipiretiche, anticancerogene, antispasmodiche, calmanti, rinforzanti, afrodisiache. Funziona come stimolante digestivo, tonico muscolare e potenzia le difese immunitarie, riduce le coliche renali e allevia le tensioni. Insomma, davvero oro colato!

Ma, oltre a tutte le proprietà dello zafferano, per quale motivo l'"oro rosso" vale così tanto ed è così ricercato? Devi sapere che dietro alla produzione di zafferano c’è moltissimo lavoro. Per produrne un grammo servono infatti circa 150 fiori che devono essere raccolti uno ad uno all’alba, prima della fioritura. Proprio per questa ragione, è sempre più facile trovare in commercio una polvere che si spaccia per zafferano, spesso tagliata con cartamo o curcuma. È proprio per questo motivo che è importante controllare l’origine dei prodotti acquistati, in modo da essere sicuri al 100% di avere tra le mani degli autentici pistilli di zafferano, unici per aroma e sapore, proprio come quelli di Safranum.


Safranum, i prodotti

Vediamo adesso nello specifico quali sono i prodotti Safranum che vedono protagonisti proprio i pistilli del meraviglioso fiore di zafferano.
Primo prodotto di cui parlare è sicuramente lo Zafferano in Pistilli, una spezia scelta di prima qualità, raccolta a Monforte d'Alba, nel cuore delle Langhe, e lavorata interamente a mano per rispettarne la purezza.
Lo zafferano Safranum viene raccolto e diviso con un doppio passaggio di controllo al fine di selezionare accuratamente sia i pistilli che i fiori, in modo da soddisfare anche gli chef più esigenti.
Essiccato per lungo tempo e a bassa temperatura per evitare lo shock termico, raggiunge così anche i 3 anni di scadenza grazie all’umidità residua bassissima. Dunque, non ti resta che farne una bella scorta, essendo davvero versatile in cucina. Lo zafferano ha infatti un sapore caratteristico che coinvolge tutte le papille gustative, con un forte profumo e potere colorante che dona un colore giallo vigoroso e dorato. Lo zafferano in pistilli può essere utilizzato per molti piatti, primo tra tutti il mitico risotto alla milanese, ma anche per scampi a crudo o gamberi rossi marinati con olio extravergine di oliva in crudité. Ottimo anche sulla pasta, negli gnocchi o per preparare dolci. I vini che si abbinano ai piatti con zafferano devono essere decisamente freschi, sapidi, bianchi o anche spumanti.

Se sei un amante del dolce, un prodotto che assolutamente non puoi farti scappare sono i Langat Biscotti con Nocciole e Zafferano, risultato dell’incontro tra Safranum e Nocciolarte di Alessandro Cerrato, pasticcere dell'Alta Langa specializzato proprio in dolci specialità il cui ingrediente principale sono le nocciole Piemonte IGP. In questi squisiti biscotti potrai quindi assaporare l'intenso gusto delle nocciole langarole e l'unicità dello zafferano Safranum. Non si tratta di biscotti qualunque: sono quasi dei pasticcini che abbinati al caffè diventano una prelibatezza, anche se si sposano perfettamente anche con il tè e le tisane, per una merenda speziata e raffinata.
E a proposito di merenda, perché non gustare i tuoi biscotti con la Tisana Notte? Si tratta di una miscela composta da zafferano, tiglio, malva e rosa, dalle numerose proprietà organolettiche, pensata per dare un aiuto quotidiano al benessere psicofisico e per equilibrare l'organismo. Le erbe selezionate accuratamente vengono imbustate a mano con un numero adatto di pistilli di zafferano al fine di creare con armonia il giusto equilibrio gustativo con le altre erbe.
Non dovresti aver bisogno di dolcificare, ma nel caso in cui gradissi una sferzata di energia in più allora il nostro consiglio è il Miele di acacia e zafferano, un prodotto sano e squisito, piemontese al 100%. Il connubio tra miele e zafferano è una vera e propria panacea: lo zafferano favorisce la digestione, apporta benefici ai recettori sensoriali del nostro sistema nervoso, alle articolazioni, esercitando un'azione calmante ed è ricco di vitamine, mentre il miele è molto nutriente e lo si potrebbe definire un vero e proprio antibiotico naturale. Questo miele è perfetto non solo come dolcificante, ma anche da spalmare sul pane o da gustare vicino ai formaggi. Prova, sarà un esperimento il cui risultato è garantito da noi!


Risotto allo zafferano, la ricetta originale

Non potevamo lasciarti senza la ricetta originale del risotto allo zafferano! Questa ricetta ti permetterà infatti di mettere alla prova i tuoi pistilli Safranum e di godere a pieno del loro aroma. Il risotto allo zafferano è uno dei modi più classici e tradizionali di godere del profumo di questa spezia, anche se le ricette possibili sono moltissime.

Per il tuo risotto, per quattro persone, ti serviranno 1 cucchiaino di pistilli di zafferano Safranum, 300g di riso carnaroli, due cucchiai di burro, una cipolla bianca o dorata, 80g di Grana Padano Dop grattugiato fresco, 40g di vino bianco, acqua, brodo vegetale fatto in casa e sale fino. La preparazione è semplicissima: innanzitutto, metti i pistilli in una tazzina da caffè e versa sopra dell’acqua fino a ricoprirli completamente, dunque mescola e lascia in infusione per una nottata, in modo che rilascino colore. Trita la cipolla finemente, quindi, in un tegame, versa un cucchiaio di burro e scioglilo a fiamma bassa, dunque versa la cipolla e lascia cuocere sempre a fuoco dolce per 10-15 minuti, aggiungendo a mano a mano del brodo. Il tutto sarà pronto quando la cipolla sarà morbida e trasparente.
A questo punto aggiungi il riso e lascialo tostare per qualche minuto. Sfuma con il vino bianco e lascia evaporare, dunque procedi con la cottura per una ventina di minuti, aggiungendo il brodo un mestolo alla volta quando lo vedrai completamente assorbito dal riso, facendo in modo che i chicchi siano sempre coperti. Cinque minuti prima del termine della cottura, versa la tazzina di acqua con i pistilli di zafferano, quindi mescola per rendere il risotto di un bel color oro omogeneo.
Una volta terminata la cottura spegni il fuoco, aggiungi il sale, e manteca con un altro cucchiaio di burro e il formaggio grattugiato sempre a fuoco dolce, dunque mescola e copri con il coperchio lasciando riposare il risotto qualche minuto. A questo punto il tuo risotto allo zafferano è pronto.
Servi in un piatto fondo guarnendo con qualche pistillo di zafferano o con qualche scaglia di oro edibile per un effetto più scenografico.
 
Se sei un amante dei piatti genuini e aromatici non lasciarti scappare i pistilli di zafferano Safranum e gli altri prodotti della linea. Sono fatti per deliziarti!



Le nostre promesse

Vuoi provare il nostro servizio con il 10% di sconto? Iscriviti!