facebook pixel

Come usare le erbe aromatiche in cucina per impreziosire i tuoi piatti

Come usare le erbe aromatiche in cucina per impreziosire i tuoi piatti

La cucina mediterranea vive di profumi, di colori e di sapori ineguagliabili. Il sole, il vento e la terra sono elementi che in Italia offrono la possibilità di raccogliere frutta e verdure che hanno intensità e nettezza di profumi come in poche altre regioni europee. E più ci addentriamo verso sud, più ce ne rendiamo conto. Il Belpaese è contraddistinto da una cucina ricca di erbe aromatiche.

Se camminiamo su qualche bellissima riserva naturale marina possiamo rimanere inebriati dai profumi della macchia mediterranea. Timo, rosmarino, coriandolo, maggiorana… È la magia della natura che attrae con i suoi oli essenziali e si fa portavoce della bellezza e della piacevolezza nel piatto.

La nostra bandiera italiana a tavola? Una pasta di Gragnano con pomodoro e basilico. Oppure come dicono a Napoli cu a pummarola ‘ncopp

Il pesto genovese è il risultato della lavorazione a pestelli del basilico fresco. Se poi si usa il Basilico Genovese DOP i profumi inebrianti finali cambiano eccome. Tutto merito della terra ligure, della tipologia di basilico ma soprattutto del mare e del suo clima favorevole.

Il timo ve lo consigliamo con il pesce e, in particolare, con una bella sogliola al forno con limone siciliano. Il timo è inoltre il tipico aroma che si abbina molto bene con un bel cous cous alle verdure come melanzane e peperoni oppure con l’agnello arrosto o una torta salata di patate e formaggio.

Il rosmarino è l’ingrediente principale dei nostri arrosti e del pollo allo spiedo ma teniamolo presente anche da aggiungere alle patatine quando friggono per dare un po’ di aroma balsamico. Lasciamolo poco però, solo per il tempo che possa rilasciare il suo olio essenziale.

La salvia poi è l’ingrediente principale se vogliamo farci una degustazione di tortellini fatti in casa da assaggiare con un po’ di burro fresco e salvia fresca appunto. Una ricetta succulenta e semplicissima.

Poi non dimentichiamoci anche l’erba luigia, limoncina o dragoncello. Sa di limone e la sua piacevolezza può essere accostata per insaporire dei filetti di pesce di merluzzo, per dare sapore intrigante a del carpaccio di tonno fresco, per impreziosire dei gelati freschi alla panna o al latte. L’erba luigia è anche un componente ideale per aromatizzare un buon senza aggiungere limone. Solo il profumo.

Per finire, ma ce ne sono molte altre, l’origano fresco. Una pizza con l’origano fresco e il pomodoro è di una bontà che non si potrà mai raggiungere con l’origano essiccato. Più delicata, fine. Noi consigliamo di aggiungerlo a fine cottura, così non bruciamo l’olio essenziale contenuto ma ne agevoliamo l’uscita dalla fogliolina con il calore della pizza alla fine.
 

Con le erbe aromatiche si ottengono risultati inaspettati. Certamente non si rinuncia al gusto!

 

Bernardo Pasquali



Le nostre promesse

Vuoi provare il nostro servizio con il 10% di sconto? Iscriviti!