facebook pixel

Formaggio pecorino: le ricette sfiziose per le vostre feste

Formaggio pecorino: le ricette sfiziose per le vostre feste

Pasqua è appena passata ma la voglia di far festa certamente no. In questo periodo si festeggia con i dolci e i piatti più ricchi che si possono mettere in tavola. Il formaggio pecorino, fatto quindi con il latte di pecora, è uno degli alimenti che in questo periodo va per la maggiore. Viene utilizzato in numerose ricette, sia quello sardo che quello romano. Il formaggio pecorino è molto usato perché simboleggia l’agnello ovvero una delle rappresentazioni più conosciute del Cristo. Tante sono le diverse tipologie di torte salate fatte in questi giorni, ma ci sono anche molte altre ricette da imparare!

 

Formaggio pecorino, sardo o romano?

 

Prima di addentrarci nel fantastico mondo delle ricette vogliamo svelarvi le differenze che ci sono tra pecorino romano e pecorino sardo. Può capitare di fare confusione tra i due formaggi pecorino più famosi, quello sardo e quello romano. Per non sbagliare ecco quali sono le caratteristiche peculiari dei due prodotti che rappresentano i principali vanti alimentari del Lazio e della Sardegna.


» DAI UN'OCCHIATA AI NOSTRI MIGLIORI FORMAGGI PECORINI «


La principale differenza del Pecorino Romano (DOP) rispetto agli altri formaggi riguarda la sua salatura. Il sapore tipico e inconfondibile del prodotto dipende infatti dal tempo maggiore dedicato a questa fase, visto che la sua stagionatura può essere compresa tra i 150 e i 180 giorni. Il sapore risulta forte e deciso. Ricette con formaggio pecorino romano, perfetto per insaporire molti primi piatti, sono la pasta con zucchine, prosciutto e pecorino romano, oltre a rappresentare l’ingrediente fondamentale per un piatto della tradizione laziale, gli spaghetti cacio e pepe.

La prima differenza tra Pecorino Romano DOP e Pecorino Sardo DOP consiste nella pressatura di quest’ultimo, un processo che prevede il filtraggio del siero. Inoltre, la stagionatura è diversa, molto più breve rispetto a quella spiegata prima, mai superiore ai quattro mesi per la precisione. La crosta è decisamente più liscia rispetto al formaggio romano e il colore più scuro, senza dimenticare come si presenta all’interno: in questo caso la pasta tende al giallo paglierino, mentre il Pecorino Romano è biancastro. Anche il latte usato per i due formaggi è differente. il latte del Pecorino Sardo è soltanto quello prodotto in Sardegna, un obbligo che serve a far rispettare la tradizione e a rendere il prodotto locale. Il latte del Pecorino Romano, invece, può essere quello laziale, quello toscano e anche quello sardo. Entrambi sono comunque ottimi come antipasti, magari per dare più sapore a salse particolari come il pesto di fave e pecorino, oppure come ingrediente per secondi gustosi come l’omelette con patate e pecorino. La versatilità in cucina è uno dei principali vantaggi di questi prodotti.

 

Formaggio pecorino, qualche gustosa ricetta

 

Ed ora ecco alcune tra le ricette più note a base di pecorino. Partiamo con la Crescia, detta anche Pizza di Pasqua, una ricetta tipica delle Marche e dell'Umbria. Una prelibatezza che quasi la stessa forma del panettone, data dallo stampo particolare in cui si fa lievitare e poi cuocere in forno. Per fare la Crescia gli ingredienti da utilizzare sono: Lievito di birra secco 7 g, Farina 0 500 g, Olio extravergine d'oliva 65 g, Latte intero a temperatura ambiente 150 g, Parmigiano reggiano grattugiato 150 g, Uova medie 5 per un totale di 285 g, Miele 12 g, Sale fino 10 g, Pepe nero q.b., Pecorino romano fresco 100 g, Per amalgamare il tutto in modo corretto è indispensabile l’uso di una planetaria. L’impasto deve essere lavorato  lungo per permettere la formazione della maglia glutinica. Successivamente va posto in uno stampo, coperto e tenuto in luogo umido per favorire il processo di lievitazione. Solitamente si usa metterlo dentro il forno spento per circa tre ore. La tradizione vorrebbe una cottura dentro un forno a legna, ma oggi una cottura nel forno elettrico di casa a 180 gradi per circa 70 minuti è comunque ottimale.

Un piatto tipico laziale sono le fave con il pecorino romano. La ricetta è semplicissima. Acquistata 1,5 kg di fave e 300 g di pecorino romano. Sgranate le fave e privatele della pellicina, distribuitele in 4 ciotoline da portata, che sistemerete su 4 piattini. Tagliate a scaglie il pecorino, privandolo della crosta, e distribuitelo sui piattini. Predisponete una saliera per commensale, in modo che ciascuno possa intingervi le fave o gustarle con il pecorino. Ricordate che il miglior formaggio pecorino sardo o romano, lo trovate e vi arriva comodamente a casa solo grazie a Spaghetti & Mandolino.

 

Francesco Scuderi

Prodotto biologico Pecorino romano Dop 300 g - CAO Formaggi

CAO Formaggi


7,70

ACQUISTA

Prodotto biologico Pecorino Riserva Latte Crudo 1kg - I Sapori del Portico

I Sapori del Portico


34,20

ACQUISTA

Prodotto biologico Pecorino di Forenza 500g - Il Parco delle Bontà

Il Parco delle Bontà


18,90

ACQUISTA

Prodotto biologico Pecorino affinato in foglie di fico 500g - I Sapori del Portico

I Sapori del Portico


21,00

ACQUISTA

Prodotto biologico Pecorino morbido latte crudo d'Aosta 500g - I Sapori del Portico

I Sapori del Portico


21,70

ACQUISTA

Prodotto biologico Pecorino Re Nero 1 kg - Il Forteto

Il Forteto


19,50

ACQUISTA




Le nostre promesse

Vuoi provare il nostro servizio con il 10% di sconto? Iscriviti!