facebook pixel

Pomodorino del Piennolo del Vesuvio DOP: il fiore all’occhiello di Sapori Vesuviani

Pomodorino del Piennolo del Vesuvio DOP: il fiore all’occhiello di Sapori Vesuviani

Il Pomodorino del Piennolo del Vesuvio D.O.P. (Lycopersicon esculentum) è uno dei prodotti più tipici ed antichi dell’agricoltura campana, fiore all’occhiello dell’azienda Sapori vesuviani.

Alle falde del vulcano, sotto un sole generoso e grazie a un terreno ricco di minerali, cresce questo pomodorino unico al mondo. Un perfetto esempio di come il territorio incida su un prodotto. Sì, perché il pomodorino del piennolo cresce esclusivamente qui, e grazie a delle condizioni climatiche e geografiche ideali ha meritato nel 2009 la denominazione DOP.

Per quale motivo? Ben tre:

  • Si mantiene durevole nel tempo, e a lungo. Per un piccolo miracolo naturale, queste condizioni meteoclimatiche lo rendono una varietà più longeva rispetto ai soliti pomodori, più delicati e fragili
  • Gusto: dolce, inimitabile. Si distingue per via dell’inaspettato retrogusto acidulo, “amorevolmente amarognolo”, come il suo stesso produttore ama definirlo. Un altro regalo dovuto a un terreno ricco di potassio, che combina in questo frutto una particolare concentrazione di zuccheri e sali minerali
  • Morfologia: i pomodorini del Piennolo, del peso di circa 25-30 grammi, sono rotondi ma presentano un curioso “pizzo” all’estremità inferiore. La buccia è coriacea; la polpa soda e compatta

 

Il Pomodorino del Piennolo del Vesuvio viene coltivato con metodo tradizionale, che prevede l’ausilio di sostegni con paletti di legno e filo di ferro. Questo per evitare che le bacche tocchino terra e per fare in modo che la pianta riceva uniformemente luce e sole.

La varietà è chiamata “del Piennolo” perché per la tecnica di conservazione è necessario formare dei grappoli (pendoli, quindi “piennoli” nel dialetto locale). Questi si raccolgono nel periodo più caldo, a luglio e agosto, e vengono sistemati su un filo di canapa legato a cerchio in modo da comporre un unico grande grappolo che viene appeso in luoghi asciutti e ventilati. La lenta maturazione dura fino alla primavera successiva e durante questo procedimento il Pomodorino perde la sua consistenza assumendo un sapore molto intenso e delizioso, divenendo un vero e proprio ingrediente fondamentale per la grande maggioranza dei piatti tipici napoletani. Questo pomodoro regala, infatti, un tocco inconfondibile a pizza, bruschette, salse, pasta, intingoli a base di pesce e moltissime altre ricette. Il Pomodorino è ricco di vitamine A e C, licopene (importante perché antiossidante) sali minerali quali calcio, fosforo e potassio. È molto apprezzato anche allo stato fresco o in conserva in vetro secondo una antica ricetta familiare denominata Pacchetella. La produzione di questi Pomodorini avviene esclusivamente nell’area che coincide con il territorio del Parco Nazionale del Vesuvio.

Un prodotto principe di un’azienda che fa della territorialità un orgoglio da esportare in tutto il mondo.

 



Le nostre promesse

Vuoi provare il nostro servizio con il 10% di sconto? Iscriviti!